item-thumbnail

Il 13 di aprile scadono le misure adottate dal precedente decreto per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. In via di preparazione nuovo decreto, già indiscrezioni su tempistiche.

Il lockdown durerà fino al 3 maggio”, hanno detto i sindacati all’uscita di un incontro con il premier Giuseppe Conte. “Il presidente del Consiglio ci ha confermato che, ad oggi, non ci sono ancora le condizioni per far ripartire le attività sospese”, hanno detto.

Ci saranno soltanto alcune deroghe a partire dal 13 di aprile, ma si tratta di poche attività e strategiche. Prima la salute, è questo il messaggio lanciato dal Primo Ministro e supportato anche da Francesco Boccia, Ministro degli Affari regionali che così ha commentato: “Il governo ha le idee chiare: dobbiamo mettere in sicurezza la salute degli italiani. Con la salute a rischio, non c’è economia”.

Per quanto riguarda la scuola, si delinea sempre più un blocco delle attività didattiche che, a meno di un colpo di scena, fino a completamento dell’anno scolastico. Resteranno in modalità didattica a distanza, con possibilità di riapertura a settembre.