La notizia è stata data dal presidente della 4/a Commissione regionale, Zullino


(ANSA) – POTENZA, 4 GEN – La candidatura di Venosa (Potenza) a Capitale italiana della Cultura 2021 è “una scelta che può rappresentare una preziosa opportunità non solo per la comunità venosina, ma per l’intera Basilicata”. Lo sostiene, in una nota, il presidente della Quarta commissione consiliare permanente della Regione, Massimo Zullino.

Venosa era meta obbligata per tutti i più grandi viaggiatori del grand tour del XVII e del XVIII secolo, come Edward Lear.

Venosa è la sede ideale per un evento culturale di questa importanza per il suo vasto patrimonio materiale e per quello immateriale. La cittadina del Vulture ha dato i natali al padre della letteratura classica, Orazio, al padre della moderna scrittura musicale: Gesualdo da Venosa e a uno dei più grandi poeti che ispirò anche l’opera di Tasso: Tansillo.