Prenotate ora la Basilicata per un prossima gita. Terza tappa del turismo virtuale ai tempi del corona virus.

Visitate e scoprite virtualmente i 131 scrigni della Basilicata e prenotate una servizio, un viaggio, un’attrazione o un pasto in uno dei mille posti dove degustare del buon cibo. Prenotate ora, contattando la struttura che vi ha più interessato acquistando un Lucaniabondvoucher una sorta di impegno d’onore per un viaggio in Lucania e otterrete sicuramente uno sconto sostanzioso e la solita affettuosa ospitalità.

Accettura

È sede del parco regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane; Accettura è piuttosto nota a livello internazionale, per la festa del Maggio che vi si svolge ogni anno tra il giorno della Pentecoste e il martedì successivo.

Sorge a 770 m s.l.m. nella parte centro-occidentale della provincia al confine con la parte centro-orientale della provincia di Potenza. Il territorio è per metà ricoperto da boschi e pascoli. Intorno al paese si trovano i monti Manche, Gallipoli, Montepiano, Vallefredda e Tempacortaglie. Fa parte della Comunità montana Collina Materana. Dista 72 km da Matera e 52 km dal capoluogo di regione Potenza.

Cosa vedere

Chiesa dell’Annunziata – Chiesa di stile barocco, ricostruita su un edificio preesistente. Al suo interno, sono conservate una statua lignea della Madonna con Gesù del XVI secolo circa ed una tela, dello stesso periodo, che raffigura lo stesso soggetto a parti invertite. Di interesse anche la bifora della chiesa, risalente al XIV secolo.

Chiesa Madre di S. Nicola – Precedente al XVI secolo, ha subito numerose ristrutturazioni. Di particolare interesse la campana fusa nel 1611 da Gaspare di Missanello, il crocifisso ligneo (XV secolo), le statue lignee di Sant’Antonio abate (XVI secolo), San Giuliano, Santa Filomena e San Pasquale (metà XVIII secolo) ed una tela di Maria Maddalena, delle tre Marie e di San Giovanni ai piedi della croce (sempre metà XVIII secolo).

Chiesa di S. Antonio – In precedenza fu un convento fondato dai Frati Minori Conventuali nel 1595 e soppresso nel 1809. Sono conservate una Pala sull’altare maggiore raffigurante l’Incoronazione della Vergine con Santi ed alcune tele del XVII secolo, attribuite ad un discepolo del Pietrafesa.

Cappella dei Santi Giovanni e Paolo, in località Valdienna.

Cappella di Santa Maria dei fiori o d’Ermoli – Risalente al XVIII secolo, in località Ermoli.

Chiesa di S. Chiara di Gallipoli – Vi si conservano dipinti di autori ignoti risalenti alla fine del XVI secolo.

Architetture civili

Palazzi nobiliari delle famiglie Amodio, Spagna e Nota.

Fontana Francesca – Località in cui si scontrarono briganti e Guardia Nazionale il 7 agosto 1862, presso il Bosco di Montepiano.

Masseria Spagna e Masseria De Luca – Masserie fortificate del XVIII secolo.

Aree naturali

Bosco Comunale di Montepiano. Si estende sul territorio di quattro Comuni: Accettura, Cirigliano, Stigliano e Pietrapertosa. Al suo interno sono stati individuati numerosi resti di fortificazioni, presso cui sono state rinvenute alcune terrecotte votive del IV-III secolo a.C.

Foresta di Gallipoli-Cognato. All’interno dell’omonima Parco Regionale di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane (dove è possibile osservare daini e cervi confinati in recinti faunistici) si trova l’area archeologica di Monte Croccia, in cui sono conservati resti di mura risalenti al VI e VII secolo a.C.

Serra Rosa. Vi si trovano ruderi di un castello e di altri edifici medievali.

Musei

Ad Accettura si trova il museo dei culti arborei, struttura che ospita una mostra di quadri, collezioni di fotografie e video della festa del maggio, ed utensili tipici della civiltà contadina e dei lavori forestali. Il museo offre testi ed informazioni relative ai riti antropologici e sociali ed alle antiche tradizioni legate ai culti arborei tipici di quest’area.

Pro Loco di Accettura: Indirizzo: Via Roma, 13, 75011 Accettura MT

Telefono: 0835 675292

Cosa fare

Il Maggio di Accettura: I riflettori sulla festa del Maggio di Accettura si accendono nella domenica di Pentecoste, quando i futuri sposi iniziano il loro cammino verso la piazza del paese, ma l’intero evento si ripete ogni anno dall’Ottava di Pasqua alla domenica del Corpus Domini ed è dedicato al Patrono, San Giuliano.

La scelta delle due piante che “convoleranno” a nozze avviene rispettivamente nella prima e nella seconda domenica dopo Pasqua. Lui, lo sposo, il Maggio, è un cerro di grandi dimensioni che proviene dal bosco di Montepiano, abbattuto il giorno dell’Ascensione. Lei, la sposa, la Cima, è una pianta di agrifoglio della foresta di Gallipoli Cognato. Come nel più tradizionale dei matrimoni, prima di congiungersi, in Largo San Vito, i futuri “sposi” procedono separatamente accompagnati dalle rispettive schiere di “maggiaioli” e “cimaioli”.

I due cortei procedono lentamente a ritmo di musiche, canti, balli popolari, con pause dedicate a momenti di ristoro a base di buon vino e prodotti tipici. Il trasporto del Maggio e della Cima rappresenta un momento di straordinaria teatralità, tra grida di incitamento ed esibizioni di forza fisica.

Indirizzo: Via Roma, 28, 75011 Accettura MT. Web: http://www.ilmaggiodiaccettura.it/ – info@ilmaggiodiaccettura.it

Ristoranti

Manuelito Ristorante Pizzeria: Via Circolo Garibaldi, 80, 75011 Accettura MT. Telefono: 0835 675085

Locanda Pezzolla: Via Roma, 21, 75011 Accettura MT. Telefono: 0835 675008

Ristorante di Fiore: Montepiano, 75011 Accettura MT. Telefono: 0835 675417